giovedì 28 ottobre 2010

23 ottobre 2010: Mantova e Borghetto

Mantova, la "città di biscotto" mi ha sempre affascinato, così protesa verso il suo Mincio e orgogliosa dei suoi capolavori d'arte. Solcare il suo ciottolato è emozione sempre nuova, così come scoprire le bellezze interne del Duomo (solo perchè è sabato) e le numerose piazze. Altro luogo interessante, a 7 km. è il santuario di Grazie, con il coccodrillo appeso al soffitto e le statue ad altezza umana che ringraziano la Beata Vergine per i miracoli concessi loro.





Ma è stato conoscere dal vero Borghetto, uno dei cento borghi più belli d'Italia, che mi ha sorpreso. Una gioia fotografare scorci inediti di un borgo incantato, rimasto fermo, o quasi, al 1400. Ruote di molini ancor funzionanti, cigni solitari, piccole botteghe e osterie invitano a concedersi tempo prezioso per riconoscerne la meraviglia.




CODROIPO: Le lingue minoritarie aprono la mente e valorizzano le culture locali

Mauretta Brusutti, Dirigente Circolo Didattico Codroipo (UD)


Maggiore apertura della mente oltre alla valorizzazione delle culture locali sono le parole chiave emerse con sicurezza dal convegno-dialogo di tre giorni tra insegnanti, dirigenti ed esperti di tre regioni: Puglia, Calabria e Friuli. Griko, Arbereshe e Friulano, tre lingue che, secondo le risultanze degli esperti, sono dotate di dignità e importanza tali da consentire loro di essere inserite nei curricoli delle scuole, dall’infanzia alla secondaria. “Come valutare l’insegnamento nelle scuole delle lingue minoritarie” era l’obiettivo del convegno improntato su lingue il cui insegnamento non deve essere più affidato alla buona volontà dei docenti, non soggetto a scelta, non relegato a ruolo minoritario bensì degno di costituire materia di studio trasversale. Ciò è emerso anche dal confronto del gruppo tecnico, coordinato dalla docente di didattica delle lingue moderne e di educazione plurilingue all’Università udinese Silvana Schiavi Facchin e dal docente della facoltà di Scienze della Formazione triestina, Bruno Forte. L’imperativo è che le lingue meno diffuse debbano essere organismi viventi in grado di adattarsi ai tempi moderni e saper circolare, dimostrando in ogni modo la propria ricchezza. Un segnale preciso a quanti, spesso anche nella realtà friulana, tendono a sminuire gli sforzi dei docenti che da anni si battono in questa direzione. Dal sindaco Boem come dai relatori e dai dirigenti è stata ribadita la necessità di tenere duro e difendere con convinzione le lingue minoritarie, così definite perché parlate da un numero minore di persone e non di scarso valore. Nonostante le difficoltà. “ E’ importante che il mondo della scuola formi bambini ricchi di strumenti, in grado di affrontare il mondo nella complessità, non semplificata come vorrebbe l’adulto” ha affermato il primo cittadino in apertura, dopo aver ammirato le classi quarte della primaria “Candotti” di Codroipo, coordinate dalla docente Lorella Moretti, cantare e comunicare divertenti contenuti in lingua friulana. A dimostrarne le doti di “apri cervello” di gran lunga maggiore della lingua italiana o inglese, grazie al superiore numero di combinazioni lessicali possedute. Dal convegno è emersa anche la necessità di inserire le lingue minoritarie nella scheda di valutazione degli alunni, al pari delle altre materie di studio.

lunedì 18 ottobre 2010

CODROIPO 21-23 OTTOBRE 2010 LINGUE MINORITARIE DEL FRIULI, PUGLIA, CALABRIA IN CONVEGNO

Da 2002 al 2005, nel mese di luglio, docenti di scuole dell’Infanzia, primaria e secondaria di primo grado della regione Puglia, Calabria, Val D’Aosta e Friuli Venezia Giulia hanno dialogato sulle metodologie e risultati dell’insegnamento delle lingue minoritarie, tutelate dalla legge 489 (lingua grika, arbereshe, walser e friulana). Il progetto, i cui capofila erano la Direzione Didattica con il Dirigente Pierino Donada e la Scuola Media di Codroipo con il Preside Roberto Zanini, aveva una denominazione che ben definiva il concetto di aggregazione tra docenti e dirigenti delle rispettive regioni: le Piccole Stelle del Carro Minore. Per quattro anni, docenti e dirigenti si sono incontrati in convegno a Frascineto (Cs) in Calabria, in Val D’Aosta, a Codroipo e a Castrignano De’ Greci (Le) in Puglia. Alla naturale conclusione, il progetto ha assunto la nuova denominazione di “Lullabies” con obiettivo europeo, continuando a porre attenzione alle competenze nella lingua minoritaria nelle scuole. E’ giunto ora il momento della valutazione, parola chiave del seminario che si terrà a Codroipo, dal 21 al 23 ottobre, la cui capofila è ancora la Direzione Didattica di Codroipo, con la Dirigente Mauretta Brusutti. Le istituzioni scolastiche partner saranno rappresentate dai Dirigenti Luigi Vergine di Castrignano de’ Greci e dall’esperto Giorgio Filieri, Francesca Camodeca di Frascineto e le esperte Caterina Adduci e Flavia D’Agostino, Rosa Crapisi della Sec. 1° “G.Bianchi” di Codroipo, Stefano Stefanel I.C. Mortegliano-Castions di Strada e l’esperto William Cisilino. Il programma prevede l’apertura del seminario alle ore 16.00 di giovedì 21 ottobre, presso la Sala Convegni B.C.C. Basiliano, con interventi della Dirigente Brusutti, di Vittorino Boem, Sindaco di Codroipo, di Gian Mario Di Gianantonio, referente USR per le lingue minoritarie, dei relatori e di Bruno Forte, docente della facoltà di scienze della Formazione Università di Trieste. Venerdì 22, nella sede della Primaria “Candotti” di Via Friuli, i docenti universitari Silvana Schiavi Fachin e Bruno Forte coordineranno il gruppo tecnico di docenti ed esperti sulla valutazione, gli aspetti didattici e la rilevanza sociale dell’insegnamento della lingua minoritaria. Sabato 23, dalle 9.00 alle 12.00, nella Sala Convegni B.C.C. Basiliano, sintesi operative del Progetto “Lullabies” a cura degli esperti delle tre regioni con la conclusione della Docente di Didattica delle Lingue Moderne Università di Udine, Schiavi Fachin. L’obiettivo del convegno è sottolineare come le lingue meno diffuse siano meno reperti archeologici e più organismi viventi che sanno adattarsi ai tempi moderni e meritevoli di essere inserite nel curricolo delle scuole per poi circolare, dimostrando la propria ricchezza. Un segnale preciso a quanti, spesso anche nella realtà friulana, tendono a sminuire gli sforzi dei docenti che da anni si battono in questa direzione.

giovedì 14 ottobre 2010

15-16 ottobre 2010: Appuntamenti Festival del Racconto Terre di Mezzo

CODROIPO
Folco Quilici al Teatro “Benois” con Bluenergy e Abaco Viaggi
Una collaborazione con la mostra “Munch e lo spirito del Nord” a Villa Manin di Passariano
Sabato 16, ore 21.00, evento inedito al Teatro “Benois”, offerto da Bluenergy Group e Abaco Viaggi con il patrocinio del Comune di Codroipo, ed inserito nel Festival del racconto nelle Terre di Mezzo. Ai partecipanti verrà distribuito un gadget contenente un biglietto per la mostra “Munch e lo spirito del Nord” a Villa Manin di Passariano, aperta fino a marzo 2011. Protagonista dello speciale evento un personaggio di alto spessore culturale di fama internazionale, appassionato viaggiatore e narratore vivente: Folco Quilici, il cui dialogo con il pubblico sarà coordinato da Piero Villotta. Quilici, nato nel 1930 a Ferrara, porterà con sé uno straordinario bagaglio di storie accumulato in oltre mezzo secolo di carriera nelle Terre d’avventura, nel cinema, nella saggistica e nella narrativa. I suoi numerosi film, dedicati al rapporto tra l’ uomo e il mare, sono stati distribuiti in tutto il mondo. Per “Toscana, del ciclo “L'Italia dal cielo”, cui hanno collaborato nomi di massimo prestigio come Calvino e Sciascia, ha ottenuto una nomination all'Oscar. Per vent’anni ha diretto e curato la rubrica “Geo” su Rai 3. Collabora con importanti serie televisive sulla piattaforma Sky, canale “Marco Polo”, per cui conduce “In luoghi e tempi lontani”. Nel 20I0 ha realizzato il film “L’Ultimo volo”, che in questi giorni ha vinto il concorso internazionale Cinema e Storia.
L’Ingresso è libero, fino ad esaurimento posti
CAMINO
CENARACCONTO CON TEATRO INCERTO

Venerdì 15 ottobre, ore 20.00, presso il Ristorante “Al Molino” di Glaunicco, il Teatro Incerto con Fabiano Fantini, Claudio Moretti, Elvio Scruzzi saprà intrattenere gli ospiti, tra una portata e l’altra, con i racconti sugli alberi in Friuli, soffermandosi su leggende e tradizioni che abbracciano le quattro stagioni e attraversano la letteratura friulana, da Caterina Percoto a Amedeo Giacomini ed Elio Bartolini. Su idea di Roberta Masetti e in sinergia con la casa editrice Selekta, la serata, inserita nel Festival del Racconto promossa da Terre di Mezzo, offrirà l’inedita possibilità di ammirare a tutto tondo l’antico mulino decantato dal Nievo, dove gli alberi sono autentici giganti della memoria. Info e prenotazioni: info@almolino.com 0432.919357

CAMINO

RACCONTI DI ALBERI E DI VIAGGI IN CANTINA

Nell’ambiente agreste della Cantina Ferrin, a Bugnins, sabato 16 ottobre, troveranno ospitalità due degli eventi previsti dal festival del racconto nelle Terre di Mezzo: Il Racconto degli alberi e del Viaggio. Alle 10.30 Valeria Lanini Macuz, responsabile di “giardini aperti” e insegnante al’Ute di San Vito al T. coinvolgerà il pubblico con la sua passione per il giardinaggio, svelando i segreti per un giardino bello tutto l’anno. Alle 17.00, appuntamento con il giornalista Roberto Bongiorni, inviato di guerra del Sole24Ore che parlerà delle avventurose esperienze vissute a Gaza, Beirut, Nairobi, Kabul oltre che dai conflitti in Africa e Medio Oriente. Guerre del petrolio, elezioni truccate, la furbizia dei contrabbandieri, gli eroismi dei medici emergeranno con tutto il loro spessore dai suoi racconti. Ingressi liberi con degustazioni gratuite. 80 i posti disponibili. Info: info@ferrin.it 0432-919106

CODROIPO

RACCONTI DAL CAMPANILE

Sabato 16, dalle 14.00 alle 18.30, a gruppi di sei persone si potranno salire i 170 gradini del campanile del duomo di Codroipo. E poi, per mezz’ora, ascoltare storie di un campanile e di un campanaro, narrate dall’ideatore Giacomo Trevisan, attore, regista, drammaturgo e cantante in lingua italiana e friulana e vincitore, nel 2006, del Premio Pasolini. Uno spettacolo verticale da compiere guidati da un campanaro narratore dentro un monumento vivente, custode della media pianura friulana. L’iniziativa rientra nel 4° Festival del racconto nelle Terre di Mezzo, in collaborazione con l’Assoc. Flabby Face, Cinema&Teatro. Ingresso gratuito. Per prenotazioni: giacomo.trevisan@gmail.com 347.1531943

lunedì 11 ottobre 2010

9 ottobre 2010: al matrimonio di Erica e Nicola


















Travesio: Erica e Nicola si sono sposati e noi abbiamo condiviso una giornata meravigliosa insieme a loro e a tante altre persone. Cerimonia impeccabile, con tanto di passaggio d'onore all'uscita dalla chiesa. Una favola annunciata e ancora tutta da scrivere da una splendida sposa in rosso e dallo sposo in alta uniforme.

3 ottobre 2010: Parco Natura Viva di Bussolengo (Vr)

Lemure del Madagascar






Parco Faunistico, Parco Safari e Sentieri d'Africa: tre itinerari all'interno del Parco Natura Viva dove vivono in cattività animali che in natura sono già scomparsi. Nessuno di essi è stato trasportato qui dalla sua terra d'origine. Sono nati o in parchi europei o proprio qui. Un'immersione nella natura che sa mostrare le sue creature più strane e, spesso, sconosciute.
Una giornata all'insegna della scoperta e della conoscenza "ravvicinata" con specie anche rare di animali rappresentativi di tutti i continenti.