mercoledì 29 giugno 2011

25 e 26 giugno 2011: Isola di Ponza, Latina, Museo Piana delle Orme

25 giugno:
Nevio, io ed il bel gruppo di Stefano, siamo di buon mattino al porto di Terracina per imbarcarci sulla nave veloce per l'isola di Ponza. Colorate case a specchio sul mare rendono davvero bella l'isola fatta a mezzaluna, brulla e selvaggia, ma vestita di palme nane, agavi, ginestre e bouganville in fiore. Vecchi seduti sui terrazzini a passar l'ora mentre il sole fa brillare gli scogli della Tartaruga, di Punta Incenso, della Baia di Chiaia di Luna, i feraglioni di Lucia Rosa. Luoghi capaci di far perdere il senso della realtà! Ulisse consenziente!

Terracina

Ponza


Baia di Chiaia di Luna


Punta Incenso

Centro di Ponza



Nevio e Marco









26 giugno: Latina e Museo della Piana delle Orme
Littoria secondo Mussolini, o "Città perfetta", possiede una bellezza architettonica che affonda l'essenza nella sua stessa storia. E da lei risorge come ha fatto questa terra sul filo della genialità umana. Qui si legge la storia dell'Agropontino, dalla bonifica delle paludi fino alla sua martire, Santa Maria Goretti. E sui mattoncini della stele si leggono i cognomi veneti e friulani delle famiglie che qui emigrarono
e diedero tutto, anche la vita, nell'opera di bonifica.

Latina: Piazza del Popolo


Latina: Stele con i cognomi della gente veneta e friulana emigrata per la bonifica











MUSEO DELLA PIANA DELLE ORME... "C'era una volta"...
" Un territorio vergine bagnato dal sudore dei nostri avi"
" Una full immersion nella storia stando in prima linea"
"E' la storia semplice di uomini semplici, un monito a chi oggi gode della luce e della libertà"

In 14 padiglioni, racconta gli eventi dell'Agropontino, dalla palude alla pace dopo le guerre. Ma...non è un Museo come ci si può immaginare. E' piuttosto un libro tridimensionale dove si entra, si vive la storia con tutti i sensi. Vedendo, ascoltando, annusando, tremando e...piangendo. Da protagonisti palpitanti del film reale della bonifica fino alla battaglia di El Alamein, Tripoli, e di Montecassino, allo sbarco in Sicilia, in Normandia e ad Anzio, alle guerre mondiali vissute dalla gente con tanto di simulazione dei bombardamenti sulla voce di Mussolini che dichiara guerra. Quel 21 giugno 1940! E ti senti figlio di gente sfollata, Sofia Loren nel film "La Ciociara" e genitore del Milite Ignoto. Quando vedi il carroarmato "Oscar", lì, stellato davanti a te, ti senti Benigni in "La vita è bella" o Ralph Fiennes nel "Paziente Inglese". E hai il palmo della mano spalancato ad accogliere tasselli di emozioni e di ferri su ruote che han schizzato troppo sangue, dai deserti alle trincee. Ma ti restano ancora occhi per ammirare giocattoli scomparsi che hanno accompagnato i primi passi di tanti nonni, forse anche i tuoi, che hanno dato loro stessi per questa terra. Affinchè tu venga a conoscerla, a solcarne la pelle con senso di riverenza e di gratitudine. E ti sorprenda... ad amarla!



Oscar, il carroarmato del film "La vita è bella" e del "Paziente Inglese"

19 giugno 2011: Portorose, Pirano, Trieste

Dopo la passeggiata a Portorose, a rischio pioggia, con il cielo un po' arrabbiato ed il mare perfetto per i surfisti siamo giunti a Pirano che ci ha accolto facendoci l'occhiolino. Abbiamo solcato le sue antiche strade, fermandoci davanti alla statua del violinista Tartini, per poi proseguire fino alla cattedrale di San Giorgio, protettore della città. Da lassù abbiamo ammirato la panoramica e le piante di capperi in fiore. Abbiamo "assaggiato" il sale che qui è materia molto rinomata per poi deliziarci con le tipiche specialità di pesce.Prima del ritorno, sosta a Trieste per ammirare una delle piazze più belle d'Italia con i suoi negozi d'antiquariato: Piazza Unità d'Italia.








mercoledì 15 giugno 2011

12 giugno 2011: Mantova, Borghetto, Grazie

Tra la città di biscotto, Mantova dalla leggendaria Mantus, Borghetto, uno dei borghi più belli d'Italia e Grazie con il santuario dedicato alla Beata Vergine, unico nel suo genere, con il coccodrillo penzoloni sulla volta.
Con la guida più bella: Brunella.


con i Beanesi
Borghetto
Borghetto

con mia cugina Mariucci
a Grazie

sabato 11 giugno 2011

10 e 11 giugno 2011: Presentazione saggio di danza "Danceart "Città di Codroipo"

con valentina cengarle

con astrid tomada e alessandra de marchi





cinzia


In Taetro "Benois" di Codroipo, da tutto esaurito, 9° edizione del saggio di fine anno per la scuola Danceart, diretta da Alessandra De Marchi e Astrid Tomada. Ancora l'onore di presentarlo e incontrare visi di bimbe e ragazze che nella danza ci mettono passione da premio.

in attesa di entrare in scena
sofia
gruppo fremente
dialogo segreto

lunedì 6 giugno 2011