domenica 20 maggio 2012

PONTE maggio 2012



CAMINO                          


INGE E BACH, DUE ORSETTI IN BIBLIOTECA

Bambini e genitori hanno fatto da spalla all’autore del libro in friulano “Inge e Bach” e all’illustratrice Francesca Gregoricchio. Il 3 aprile, in biblioteca,  Luca De Clara, ha raccontato le 12 storie che compongono il suo libro, nato dall’esperienza personale di vita a Tarvisio abbinata ad una fervida fantasia, spesso ispirata dalle parole della figlia. Due orsetti intraprendenti ne combinano delle belle insieme ai loro amici del bosco, organizzando perfino un festival della canzone. Il sindaco Beniamino Frappa ed il Presidente della Biblioteca Alberto Frappa hanno avvalorato l’esperienza letteraria di De Luca con l’augurio che siano molti i bambini ed i grandi a divertirsi in varie occasioni con il libro, fresco ed accattivante, per i contenuti e per le illustrazioni.
 

CAMINO

Serata sanitaria e gita sociale con l’A.F.D.S.

Come è tradizione nella sezione caminese, presieduta da Illario Danussi, nella  sala Consiliare del Comune, il 9 maggio, ha avuto luogo la serata sanitaria su un tema di attualità. La Dott.ssa Eva Martinelli, microbiologa, ha ampiamente informato il pubblico sulle   “Infezioni emergenti “west nile virus” e sulle conseguenze che possono provocare sull’organismo umano, ad ogni età.

La sezione A.F.D.S. promuove la tradizionale gita sociale per domenica 24 giugno in Austria, a Friesach, Gurk e St. Veit. Iscrizioni entro il 3 giugno presso i consiglieri, la Trattoria Da Savorgnan o presso il Presidente.

                                                                                                                  

CAMINO:

ALLADIN E LA  MAGIA DEI GENITORI                    

Dal 1985 continua, e sempre con maggiore linfa ed entusiasmo, la tradizione che vede  i genitori  della scuola materna dar vita ad uno spettacolo, creato  per divertirsi e  far divertire i  propri bambini oltre al   pubblico di ogni età.  Nell’edizione   2012 i provetti attori e attrici hanno sfoggiato  doti teatrali di grande rispetto realizzando “Alladin”, la celebre fiaba inserita nelle Mille e una notte. Sotto la regia di Eliana Gallai, tutto è stato predisposto con puntigliosa cura, dai costumi alla scenografia. Lo spettacolo che ne è risultato ha ottenuto un alto indice di gradimento in tutte le occasioni in cui è andato in scena  nella  sala teatro. Il sindaco Beniamino Frappa ha dedicato espressioni di plauso ed incoraggiamento ai genitori, valorizzandone  l’indispensabile  ruolo nella famiglia e nella comunità.


CAMINO:


BIENNALE DI   PITTURA CON IL MOSTO



La biennale di Pittura spontanea con il mosto di vino,  giunta alla quarta edizione, ha trovato  il suo compimento il 5 maggio, presso l’ Azienda agricola Ferrin di Bugnins  in collaborazione con il Centro Culturale “I CONTEMPORANEI 3000” di Udine.  La giuria, presieduta dall’udinese M.o Giorgio Valentinuzzi, composta da persone qualificate nell’arte, cultura e critica, proclamerà tre vincitori cui saranno attribuiti i relativi premi nel corso della cerimonia prevista  sabato 19  maggio, alle ore 18.00. Tutte le opere realizzate con il mosto saranno esposte in una mostra che rimarrà aperta fino al 24 giugno, nei locali dell’ Azienda Ferrin. Il regolamento è scaricabile dai siti www.ferrin.it (sezione Appuntamenti) e su www.icontemporanei.it.

La biennale di pittura si inserisce nel carnet di proposte per Cantine Aperte, l’annuale appuntamento con le degustazioni gratuite dei vini di qualità presso le cantine socie del Movimento per il Turismo del Vino. Quest’anno si svolgerà domenica 27 maggio e sarà preceduta dalla cena col Vignaiolo presso il Ristorante al Mulino di Glaunicco, sabato  26 maggio, la cui partecipazione è soggetta a  prenotazione.
                                                                                                 

CAMINO



EX-TEMPORE DI PITTURA PER RICORDARE PRIMO MARINIG



Giunto all’ottava edizione, il premio Marinig cambia il profilo organizzativo. Dall’Associazione culturale “Il Cjavedal”, infatti,  passa in mano alla  Pro Loco "Il Vâr" che ha messo in cantiere  una ex-tempore di pittura, dal 25 al 27 maggio.  La Pro Loco intende così  mettere in risalto i luoghi di maggior pregio paesaggistico, storico, folcloristico del territorio caminese  tanto cari a Primo Marinig, già sindaco di Camino e vice-presidente della provincia di Udine.
La partecipazione è gratuita e aperta  a tutti gli artisti di qualsiasi tendenza e tecnica. Le opere  saranno esposte in mostra fino al 17 giugno. Il 50% del ricavato ottenuto dalla vendita delle opere (esclusi i vincitori con premio acquisto) durante la mostra verrà devoluto all’associazione no profit “Augere Onlus”, impegnata da oltre dieci anni nella costruzione e nella gestione dell’ospedale per l’infanzia di Santa Maria in Rilima, in Rwanda.

Sono previsti premi in denaro che saranno consegnati durante la cerimonia ufficiale che si terrà domenica 27 maggio, alle ore 18.00, nella cornice di Villa Minciotti, in Via Tagliamento.
Per consultare e scaricare il regolamento completo http://issuu.com/studiodendis/docs/premio_marinig_web


CAMINO: 

GIACOMO BATTARA E IL SUO LIBRO “PUSHER” a BUGNINS

In collaborazione con“Terre di Mezzo” la cantina Ferrin di Bugnins  ha accolto uno degli autori più in vista nel panorama editoriale italiano nonché direttore della collana di narrativa Minerva Edizioni: il giornalista ferrarese Giacomo Battara. La sua ultima fatica letteraria è stata introdotta da Francesco Altan, scrittore e docente di criminologia.  Così Battara svela il suo "Pusher", definendolo non un giallo bensì narrativa: una storia, ambientata a Sauris di Sopra (Friuli) e a Milano, intrisa di violenza ma anche d'amore pulito, platonico e talmente forte da riuscire ad uccidere.

"E' un libro fatto di sentimenti, di cose pure ma anche di tanti dubbi verso la società d'oggi, con un finale aperto lasciato alla decisione del lettore e al suo stile di visione della propria vita. E' un libro che mette in discussione, che apre interrogativi e un mondo di riflessioni. Insomma...un'esperienza importante. Di due mondi speculari, tra i toni del rosa con l'amore ed il nero con la droga, la pedofilia, la pornografia. Con due ambientazioni all'opposto: la montagna ed il carcere. Con due personaggi esattamente contrastanti, il montanaro ed il "pusher" o spacciatore che si ritrovano a vivere insieme, in carcere, da amici veri. Sono storie reali, non metafore, ispirate da fatti di cronaca e dalla conoscenza diretta di un Pusher legate tra loro con il filo della fantasia." L'augurio che Giacomo Battara fa al suo libro è quello di "FAR ACCENDERE UN PENSIERO LIBERO".


CAMINO:                            

QUATTRO… SPETTACOLO RIVELAZIONE AL FEMMINILE

Spettacolo coinvolgente, equilibrato nell'intreccio di musica, danza, incisiva recitazione. Triade perfetta, rigorosamente al Femminile. Intriganti cambi di scena, dal ritmo perfetto, agganciati al palco e sganciati subito dopo in favore della platea. A contatto con il folto pubblico, per un contatto ravvicinato. Autentico. Competenza, sfida, entusiasmo, emozione serrati in ogni passo di danza, in ogni nota del pianoforte, violino e violoncello, in ogni sillaba sapientemente pronunciata. Su tutto aleggiava, chiaro e sicuro, l'affiatamento del gruppo, unito dal progetto forte, dall'urgenza di creare, interpretare. Insomma, di fare buon spettacolo. Con il valore della semplicità, della psicologia e del garbato buon gusto. 4 donne, Coco Chanel, Billie Holiday, Nilde Iotti, Frida Kahlo,  diversissime tra loro, sono state delineate con tratti essenziali e precisi, interpretate con dichiarata passione vissuta lì, tra i pori della pelle, tra il sinergico battito dei cuori, cuciti dal filo dell'Arte.

Le interpreti fanno parte del GAF, acronimo di Giovane Arte al Femminile,  un gruppo di recente formazione costituito da ragazze dai 15 ai 25 anni che vogliono esprimersi attraverso la danza, la musica e la recitazione e provengono dalla scuola di danza di Camino e della scuola di Musica di Codroipo.
Progetto d’esordio del gruppo è proprio "QUATTRO - Quattro donne, quattro stagioni, quattro emozioni", che nasce dalla voglia di unire le diverse arti in un solo spettacolo, del tutto diverso da un saggio di danza o da un saggio di musica.
L’inedito spettacolo è diviso in quattro atti, simboleggianti il ciclo delle stagioni a ciascuna delle quali viene associato un sentimento che ha contraddistinto l'esistenza di ciascuna delle quattro donne “protagoniste”.
Le interpreti:
Veronica Bezzo, Giulia Bravin, Giulia Frappa, Sara Liani, Chiara Martinuzzi, Lorenza Panigutti,
Veronica Panigutti, Maria Vittoria Pivetta, Arianna Querin, Anna Turcati, Lucia Turcati, Giulia Turcati, Elisa Zanin. Collaborazione di Giulia Giavedoni, Monica Aguzzi, Massimiliano Paron, Fabio Scaini e Daniele Locatelli. Patrocinio del Comune di Camino.



CODROIPO

SCUOLA: PER IL PROGETTO TRILINGUE: SCELTA LA SCUOLA DI RIVOLTO

La società Filologica Friulana ha editato un libro animato di Lia Bront, “1 2 3,” con filastrocche nelle tre lingue parlate in Friuli: friulano, tedesco e sloveno.  In collaborazione con il Comune e la Biblioteca di Codroipo ha  avviato il progetto trilingue nella scuola dell’Infanzia di Rivolto, con i bambini di cinque anni, affidandolo al regista Dino Persello. In tre incontri a scuola, più uno dimostrativo,  i bambini hanno imparato, divertendosi,  brevi filastrocche con numeri,  canti ed espressioni del quotidiano e di  saluto  nelle tre varianti linguistiche.  Sabato 21 aprile, presenti l’autrice Lia Bront, l’illustratrice Sandra Manzini, il Vice Sindaco Bozzini, il Prof. Gottardo Mitri, i coordinatori del progetto della Filologica e della Biblioteca, il libro è stato presentato ufficialmente in Biblioteca dai bambini di Rivolto e dal regista Persello in un incontro esteso a tutti i bambini da 3 a 5 anni del Circolo Didattico codroipese e ai loro genitori. 

Nessun commento:

Posta un commento