lunedì 27 maggio 2013

PREMIAZIONE MARINIG a CAMINO T (UD), EX TEMPORE PITTURA 26 maggio 13

CAMINO AL TAGLIAMENTO (UD): VILLA MINCIOTTI in Via Tagliamento
Camino paese degli ARTISTI? Domenica 26 maggio 2013, sicuramente sì.   Camino ha indossato il vestito della festa, pronto per essere ritratto.  Concedendosi anche ai foresti, agli estimatori, artisti,  che qui sono giunti numerosi anche da lontano, pronti a tradurre  i suoi angoli più intimi e segreti in quadri. Infatti, per il premio intitolato a Primo Marinig, Camino è stato felicemente invaso da pittori che, armati di pennelli, colori e fantasia, si sono misurati in una serena disputa  e hanno ritratto gli scorci del paese che lui tanto ha amato.
E grazie ai 33 artisti che hanno dato vita all'ex tempore e alla Pro Loco "Il Var" organizzatrice  del premio,  i luoghi di maggior pregio paesaggistico, storico, folcloristico del territorio sono stati messi in luce come meritano. Contrariamente al carattere schivo dei caminesi, da “sotans”, come ripeteva Primo, già sindaco di Camino e Vice Presidente della Provincia di Udine. 

                                                    Giove Pluvio inclemente non scalfisce il significato della premiazione né diminuisce la presenza dell'affezionato pubblico.
                                                    Con Bruna Mattiello Marinig
                                     Sindaco di Camino Beniamino Frappa, Cons. regionale Riccardo Riccardi, Vice Presidente Provincia Udine Franco Mattiussi, Vice Sindaco Codroipo Bozzini

                                               parla il sindaco di Camino,  Frappa Beniamino
                                             Vice Presidente Provincia Udine, Franco Mattiussi
                                             Presidente di giuria, Francesca Agostinelli e Amalia Marinig
                                             Riccardo Riccardi premia Ennio Malisan
                                                      Al microfono Ennio Malisan
                                              Con la vincitrice del premio, ELSA DELISE di TS
Bruna Mattiello Marinig e Federico Valoppi della BCC Basiliano, filiale di Camino T, premiano la vincitrice
Rappresentanza della locale scuola Primaria: docente Manuela Candotto e il Sindaco



                                              Claudio Marinig premia Evita Pizzale di Varmo (UD)
                                               Saluto di Marco Molinari, Presidente Pro Loco "Il Var" di Camino al T.
                                      1° premio: SINTESI a CAMINO di Elsa Delise di Trieste.
"Per la capacità evocativa in relazione al luogo, per la sensibilità nella trattazione del tema e nell'aderenza tra i contenuti poetici e la trattazione tecnica adottata"
                                                      2° premio ex-aequo L'INFANZIA DEI RICORDI di Daniel Miseri di Codroipo. E' stata apprezzata l'interiorizzazione della tematica paesaggistica e la sua risoluzione in termini di memoria ed emozione.
                                               2° premio: ex-aequo: TAGLIAMENTO di Ennio Malisan di Gorizzo di Camino al Tagliamento. L'opera ha meritato il premio per l'originalità nella trattazione tematica e per l'attualità della riflessione ambientale proposta.
                                                              3° premio ex-aequo CAMINO AL TAGLIAMENTO di Mario Snaidero di Cervignano (UD). L'opera ha meritato attenzione per l'aderenza alla forma concorsuale dell'ex tempore e la conseguente restituzione delle caratteristiche ambientali e paesaggistiche.
                                          3° premio ex-aequo: Evita Pizzale - L'ALBERO DELLE STREGHE di Evita Pizzale. la giuria ha apprezzato la capacità di isolare un dettaglio ambientale restituendo nel contempo l'umore di un intero paesaggio attraverso l'uso del colore intenso e pregnante.
3° premio ex-aequo CAMINO di Roberto Vettoretti di Conegliano (TV). L'opera ha meritato il premio in considerazione dell'aderenza alla forma concorsuale dell'ex tempore e alla capacità di restituire con immediatezza e intensità lirica una veduta significativa del luogo.
 
                                              Esposizione quadri premiati                       
                                            
                                             Particolari della mostra
 Fontanini Pietro

I quadri in mostra ospitata a Palazzo Minciotti, in Via Tagliamento, fino  al 2 giugno.


                                                                    GIURIA


                   PRESIDENTE di GIURIA:  FRANCESCA AGOSTINELLI ,

laureata in architettura, specializzata in storia dell’arte, insegna storia dell’arte al Liceo artistico “Sello” di Udine.

E’ critico, storico e curatrice indipendente. Si dedica in modo particolare alla realtà culturale della territorio e alla contemporaneità. Giornalista pubblicista, dal 2003 collabora con il Sole 24 ore e, dal 2005, in modo continuativo, con Juliet ART MAGAZIN.

Ha collaborato al progetto “Terre dell’uomo” 2012, curando la serata Bartolini e Giacomini e a sette incroci friulani.

               

                                                               ROBERTA COSTANTINI

Vive a Udine ed è storica dell’arte. Dopo la laurea in Conservazione beni culturali ha conseguito la specializzazione in storia dell’arte all’università di Siena e il dottorato a Udine. Ha collaborato con musei ed enti locali, con particolare riguardo allo studio della ceramica medievale e rinascimentale, pubblicando pubblicando numerosi cataloghi scientifici e cataloghi di mostre. Ha curato esposizioni d’arte moderna con rispettivi cataloghi per i comuni di San Daniele, Cividale, e per l’artista ungherese Jozzef Rippl Rònai.

Insegna storia dell’arte presso il Liceo Classico “Stellini “ di Udine

                                                                SERENA BAGNAROL

Laureata in conservazione dei beni culturali nel 2002 presso l’Università di Udine, con una tesi in Storia della miniatura, ha conseguito nel 2009 il titolo  di dottore di ricerca con un lavoro dedicato all’iconografia nella crocefissione  italiana nel 1100 e 1200. Nel 2010 si è specializzata in Storia dell’arte medievale con uno studio sulle casse lignee dei beati. Ha partecipato a diversi convegni e conferenze. Ha pubblicato articoli e saggi di storia dell’arte su riviste e raccolte di carattere locale e nazionale. Ha contribuito all’organizzazione di varie mostre presso la galleria d’arte moderna e contemporanea “Armando Pizzinato”. Lavora presso i Civici Musei di Pn.

                                                                       KATIA TOSO

Laureata in Conservazione beni culturali, indirizzo contemporaneo, presso l’università degli studi di Udine, insegna storia dell’Arte negli istituti superiori. E’ autrice di vari contributi di argomento storico-artistico pubblicati su riviste e cataloghi. Ha curato e presentato mostre d’arte contemporanea in spazi pubblici e privati del territorio friulano.

Ha all’attivo collaborazioni continuative con l’Ass. Culturale I COLONOS di Villacaccia di Lestizza e la Galleria d’arte moderna di Udine.
 
 



Il 50% del ricavato ottenuto dalla vendita delle opere durante la mostra verrà devoluto all’associazione no profit  Fondazione Rilima Augere Onlus,  impegnata da oltre dieci anni nella costruzione e gestione dell’ospedale per l’infanzia di Santa Maria in Rilima, in Rwanda,  un piccolo ospedale pediatrico organizzato per rispondere alle richieste di intervento provenienti dalla provincia del Bugasere al nord del Paese.
Il centro di Santa Maria di Rilima si estende su una superficie di 65.000 m2, con ospedale, edifici per residenza,  piantagione boschiva e di alberi da frutta, orti che danno la verdura per i pasti dei piccoli ospiti.
L’Associazione Augere ha creato una struttura di appoggio per l’ospedale, fornendo medicinali, materiali di prima necessità e personale volontario. La realizzazione del progetto consentirà di ottenere il riconoscimento di centro d’eccellenza per la chirurgia ortopedica e la riabilitazione postoperatoria, in grado di rispondere alle richieste di tutta la nazione.

1 commento:

  1. grazie per continuare a ricordare Primo Marinig

    RispondiElimina