venerdì 5 luglio 2013

x iIL PONTE Luglio 2013


 

CAMINO                      

Libro fotografico “OASI  - SAURIS, isola delle Dolomiti friulane” da Ferrin

L'inaugurazione della mostra fotografica ha accompagnato la presentazione del libro fotografico "OASI - Sauris, isola delle dolomiti friulane" e la proiezione del filmato multivisione. Da Ferrin è stata la 5° tappa dell’Oasi Tour”. Gli scatti d’autore portano la firma di Giacomo Cataruzzi e i testi, in prosa e poesia, di Marina Mio.
Appena sfogliato, il libro appare come un puzzle di un paese, Sauris, ritratto e descritto con Amore. L'editrice, signora Maura, ne ha delineato  con sapienti pennellate verbali il significato. "L'uomo nel libro non c'è. Si sottintende. Non si vede. La natura regna sovrana e ripete all'uomo "Sono io che comando". Foto in bianco e nero, a colori, in punta di cuore, colme di spiritualità".  Giacomo Cataruzzi, fotografo per passione, ha dichiarato il proprio attaccamento a Sauris. Perché invita alla bellezza. Perché è un gradino più su delle altre vallate. Per la posizione geografica, perché non è di passaggio, perché ha 18 km di tornanti e le gallerie con le luci arancione. Egli ha deciso di  descriverne il territorio fotografando la natura senza uomini. Occhio e natura per fermare in uno scatto la bellezza universale. Perché fare foto?  “Ciò che vedo e mi emoziona io lo voglio condividere. Non voglio tenere tanta bellezza solo per me. Da questo volontà è nata l'idea del libro. Perché sia condiviso, criticato, guardato, amato. A Sauris la natura è anche a colori. La senti. Ha odori e profumi suoi. C'è qualcosa che colpisce occhi e  spirito. La natura sovrasta sempre”.

Le foto sono accompagnate dalle storie che Marina Mio, cultrice del Friuli dal punto di vista letterario e storico, ha raccontato sul libro, sia in prosa che in versi. Sinteticamente amalgamati alle foto. In italiano e in inglese, con la speranza che il libro valichi i confini nazionali.   Le foto inquadrano le storie, come cornice benedetta dal tempo, in un luogo dello spirito. Un'OASI, appunto. "Abbiamo bisogno di svestirci dell'importanza che diamo a noi stessi e sentirci PICCOLI come una candela nella notte".

                                                                                                         

 

CODROIPO                                MUSICA                
                         
QUEEN E VERDI, sposalizio della Scuola di Musica “Città di Codroipo”  

In apparenza nulla hanno in comune Giuseppe Verdi, compositore  italiano, nato 200 anni fa,  e il gruppo musicale rock britannico dei Queen, in auge dal 1971 al 1997, il cui caposaldo rispondeva al nome di  Freddie  Mercury.   Musica  agli antipodi quella di Verdi e dei Queen, classica e rock,  ciascuna  capace di entrare nell’anima e scuoterla con un terremoto di emozioni, diverse ma alla fine uguali.  Merito del comune denominatore,  la  Scuola di Musica “Città  di Codroipo”,  che si è superata preparando ed esibendosi in due concerti da pelle  d’oca. Il 1° giugno “ Queen – Greatest Hits A Kind of Magic” con gli allievi del Dipartimento di Musica Moderna e l’Orchestra giovanile. Il 2 giugno “ Giuseppe Verdi, nel bicentenario della nascita”, diretto dal maestro Giorgio Cozzutti, con  l’Orchestra giovanile “Città di Codroipo”, gli allievi del Dipartimento di Classica e Coro preparati dalla Prof.sa Paola Lazzarini.  Il collante? Sempre e soltanto lei, la Musica.  Nello stesso teatro, il Benois-De Cecco.   Una sorta di alchimia magica di strumenti e note è riuscita a  sintonizzare i due colossi musicali,  conferendo  lustro ad una scuola, ad un teatro, alla passione di chi la musica la vive e spesso vive per Lei. Davvero brillante  il concerto  dedicato ai Queen, reso  emotivamente contagioso dalle voci di  Jessica Cao, Monica Comisso, Andrea Grossutti,  Jodi  Bortoluzzi, Anna Tamburlini e del  Coro Allievi di Moderna, diretto da Elsa Martin.  La presentazione di  Marco Locatelli, insegnante della Scuola di Musica, ha saputo connettere  pubblico e  musicisti facendo rivivere l’atmosfera delle scene internazionali  con brani come “ We are the champions, Who wants to live forever, Radio Ga Ga,  A Kind of Magic,  The Show must go on”. Tutti premiati da scroscianti applausi.   Il giorno dopo,  il Teatro  si è rivelato cornice prestigiosa alle arie di Verdi, con il concerto presentato dal  Maestro Raffaele, il cui “La” è stato dato dal dramma lirico   "Sinfonia", tratta dal Nabucco.   Sul palcoscenico,  la soprano Vania Marzona ha brillantemente interpretato  il melodramma "Un ballo in maschera", cui ha fatto seguito “La traviata” con l’orchestra giovanile, “Otello” con l”Ave Maria” aria di Desdemona  con la soprano Elena Bazzo,  “Il mio sangue, la vita darei” tratto da Luisa Miller con il  Basso Fabrizio Zoldan,  “Ballabile dal secondo atto” tratto dall’ Aida,  con l'Orchestra giovanile,   “O Signore dal tetto natio” con il Coro “Città di Codroipo” e Giovanna Pagnucco al pianoforte,  “Il Trovatore” per pianoforte e percussioni dell’orchestra Giovanile, la  " Vergine degli angeli" con la soprano  Elena Bazzo  e l'orchestra giovanile.   La conclusione a suon di bis "Libiamo nei lieti calici”, dal primo atto della Traviata con i soprani Elena Bazzo e Vania Marzona,  Coro e Orchestra giovanile,  si è rivelata   impareggiabile.  Meritandosi ripetute ovazioni da parte del pubblico calorosissimo e grato per aver assistito ad un concerto di elevato spessore. “Riempire il teatro di Codroipo con la musica classica e far emozionare tanta gente è una grande soddisfazione” ha dichiarato il Direttore, Maestro Giorgio Cozzutti.

                                                                                                         
SPORT                                 

CODROIPO
                                 NICOLA ZANIN E’ CAMPIONE REGIONALE CICLISMO
Ha appena 13 anni, Nicola Zanin di Codroipo, ed è campione regionale su strada nella categoria esordienti. Piazzamento conquistato alla prima edizione del Trofe” Finalmente Bar” organizzato dal gruppo ciclistico Bannia a Cimpello di Fiume Veneto, cui ha partecipato con la sua squadra: l’A.D.S. Sacilese Euro 90 Punto 3. Il circuito, disegnato all’interno del territorio comunale di Fiume Veneto era molto tecnico, con numerose curve e due cavalcavia a spezzare il ritmo. Gli esordienti hanno interpretato la corsa con spirito battagliero, inscenando allunghi e tentativi fin dai primi chilometri. È al suono della campana, tuttavia, che ha preso corpo il tentativo vincente. Sul terzetto che era arrivato insieme fino alla retta d’arrivo, Nicola Zanin ha allungato lasciando dietro di sé il veneziano Casolin del Pasiano, campione regionale nel 2012, e il temibile Rosalen della Pujese, al secondo anno. Arrivando così primo in ordine di arrivo e conquistando la maglia del primo anno. Un gran risultato che premia la sua caparbia volontà di gareggiare sulla sua bici, incurante dei sacrifici e della fatica. Già a sette anni Nicola aveva manifestato una grande attrazione per la bicicletta. Per sei anni ha fatto parte del Velo Club di Rivignano nella categoria Giovanissimi, da un anno della Sacilese, categoria esordienti. Nicola Zanin ha ora al suo attivo il Trofeo del Campionato Regionale Friuli Venezia Giulia. 34 chilometri che sono solo l’inizio di una strada che percorrerà in un crescendo di soddisfazioni.

Nessun commento:

Posta un commento