sabato 28 dicembre 2013

BAMBINI E ADOLESCENTI ANSIOSI E INSICURI: MANCA IL GIOCO SPONTANEO





Le strade e i marciapiedi delle nostre città sono invasi dai rumori del traffico automobilistico, ma raramente si vede un bambino che gioca. Nessun bambino in bicicletta. Dove sono finiti quei bambini che correvano liberi in gruppo finché le loro madri non li chiamavano a cena?
È come se i bambini fossero scomparsi. Dove sono? Dentro, a fare i compiti o a giocare al computer. Invece di giocare a calcio per strada, giocano organizzati con programmi di formazione calcistica, sotto la supervisione di adulti. Oppure sono a lezione di danza o di nuoto. I bambini sembrano appartenere ad una classe media superiore, sono occupatissimi, con orari che potrebbero competere con qualsiasi direttore esecutivo.
Non è sorprendente che molti di loro si sentano impotenti e inutili.
Qualcuno ha sempre detto loro cosa fare e dove essere. Se rimangono da soli, crollano.
Le Università riportano livelli record di stress tra gli studenti. Gli insegnanti lamentano che i loro studenti di 19 anni oggi si comportano come preadolescenti.
Sono bambini che non hanno mai imparato a stare in piedi da soli con le proprie gambe .
Potrebbe essere che stiamo facendo ai nostri bambini del male più che del bene, con tutte le nostre attenzioni?
David Whitebread la pensa così.
E’ psicologo presso l’Università di Cambridge, specializzato nello studio della prima infanzia.
I bambini iniziano la loro istruzione formale troppo presto, dice, e questo può produrre un “danno profondo“, tra cui problemi di stress e salute mentale.
Fino all’età di 7 anni, i bambini hanno realmente bisogno solo di  giocare spontaneamente.Il gioco è un potente mezzo per insegnare le abilità sociali“, scrive Peter Gray, psicologo dell’età evolutiva che sostiene che la vita dei bambini sia diventata terribilmente irreggimentata. Il gioco insegna anche a gestire le  emozioni negative come la paura e la rabbia, e permette di eseguire sperimenti con rischi controllati. Il gioco è un’attività non strutturata supervisionata (cosa terribile!) ed è fondamentale per il loro sviluppo .
Nel gioco i bambini prendono le proprie decisioni su come risolvere i loro problemi“, scrive il Prof. Gray “mentre negli ambienti controllati dagli adulti i bambini diventano deboli e vulnerabili. Nel gioco sono più forti e più potenti. Il mondo di gioco è il luogo dove i bambini fanno pratica per diventare adulti “. Quei bambini che giocavano fino al tramonto in strada, non stavano  perdendo tempo. Stavano prendendo lezioni di vita, di problem solving, di negoziazione e resilienza. E lo facevano molto meglio senza l’aiuto degli adulti.
Nelle prime società umane di cacciatori-raccoglitori, i bambini  giocavano fino all’adolescenza. Ma ora, osserva il Prof. Whitebread, il gioco è stato messo fuori dalla loro vita e la società in cui vengono introdotti è basata sulla paura e sul rischio. Tutto questo a causa della nostra separazione dal mondo naturale e della cultura diffusa del “più presto possibile“.
Ma ciò che veramente ha ucciso il gioco è il timore che i bambini non ricevano la stimolazione adeguata fin dalla tenera età, ovvero l’idea che il loro gioco debba essere gestito e controllato da professionisti o dagli adulti in generale, in un’atmosfera sempre più competitiva.
Questo è ciò che è alla base della pressione degli adulti sui bambini, e può avere risultati assai infelici.
Alcuni bambini sviluppano ansia e stress. E’ davvero troppo e troppo presto.
I genitori della classe media sono comprensibilmente ansiosi di dare ai loro figli le migliori opportunità possibili nella vita. Questo è il motivo per cui sono disposti a investire più che mai sulle “credenziali del bambino”.
Questo è il motivo per cui il sostantivo inglese “genitore” (genitore) è diventato un verbo. Non è più sufficiente solo nutrire e vestire. Ora si sente il bisogno di guidare i piccoli in ogni fase della vita.
I genitori sono più vicini ai loro figli di quanto non siano mai stati, e questo è buono. Ma questa vicinanza non sempre favorisce l’indipendenza. Il telefono cellulare, ad esempio,  è una prolunga che soffoca. Sono nato nel 1950 - afferma Whitebread – ed era un altro mondo. Ho fatto parte di un gruppo di bambini a cui erano vietate delle cose (per esempio salire e giocare nei cantieri era uno dei miei giochi proibiti preferiti). Quando sono andato al college c’era un telefono in fondo al corridoio per 38 studenti e le chiamate a lunga distanza erano costose. I miei genitori hanno avuto la loro vita e io ho avuto la mia, era tanto tempo fa.
Non sto dicendo che era meglio. I bambini di oggi hanno la possibilità di arricchire le esperienze, cosa che la mia generazione non avrebbe mai potuto nemmeno sognare.
Ma quando sono invitato a partecipare a comitati per borse di studio per scegliere il migliore o il più brillante, talvolta mi soffermo a riflettere: i candidati arrivano con un curriculum abbagliante, hanno medie altissime e hanno vinto gare di nuoto, hanno fatto volontariato in orfanotrofi e mense dei poveri. Mi meraviglio che abbiano avuto il tempo per dormire!
Ma molti di loro hanno un’area larga un miglio e una profondità di pochi centimetri. Non hanno mai riflettuto profondamente sulla vita. Sono molto impegnati, ma terribilmente convenzionali.
Sono molto, molto adatti a saltare da una buca all’altra, e basta.
Sarebbe bene che a volte lasciassimo i nostri figli seduti sotto un albero da soli, a sognare.

 
di R. Tiziana Bruno

Nessun commento:

Posta un commento