venerdì 27 dicembre 2013

IL SENSO DEL NATALE: 2013

                                                          ma... siamo noi? la gallina c'è e...
                                                           Vigilia... 24 dicembre 2013

                                              Babbo Natale...Babbo Natale...
                                                e lui, magia magia...arriva, dal buio fitto del bosco
                                      con la slitta, Rudolf, e poi? trova la "concorrenza" Vincent
                                           Eccolo Babbo Natale con i nonni Bruno e Nevio e i 7 "nanetti"
                                                   tutti in braccio a Babbo Natale...
                                            le due Biancaneve, Norina e Pierina
                                              le tre Biancaneve, Elisa, Giada, Vanessa
                                                i tre principi... Luca, Maurizio, Andrea

                                             toh! i dinosauri in mutande...
                                                voli notturni  acrobatici nella "camera della fantasia"

                                              25 dicembre 2013: NATALE
                                                      Brindisi augurale
                                                  tutto sotto controllo...
                                           anche il volo di Sebastian difeso da zio Maurizio
                                              Buon appetito e...tanti auguriiiiiiiiiiiiiiii
                                       
                                                           IL SENSO DEL NATALE

NATALE mi prende per mano,
per dono ha legno dorato
per la cornice  del quadro
che racchiude
a  guscio
il mio udire.
Protetto. Al sicuro.
Perché dentro nutre
il senso
e il valore
delle persone
e delle cose.
Dentro c'è tutta la mia famiglia.
Grazie
di esserci. Sempre.
Non solo a Natale!
 
*****
Guardo solitudini ingabbiate su auto, case, muri.
Rumori di motori lenti.
Serrande chiuse.
In quelle aperte commessi sorridono.
Infelici.
Lo vedi dal passo. Dal viso. Dal corpo.
Una ragazza su trampoli fatti scarpe
cammina sulle strisce.
Cadrà?
Entro nel negozio di abbigliamento.
Commesse stravaganti. Capelli neri e bianche a cresta.
Signore attempate,
ladre di lustrini.
Ognuno al proprio posto.
Ad inventar clienti.
Pomeriggio di sabato avanza.
E la malinconia galoppa.
Mi scanso.
Scrivo.
 

Nessun commento:

Posta un commento