domenica 6 aprile 2014

GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA UNESCO UDINE - 21 marzo 2014

 Università degli studi di UDINE. E' stata quasi una laurea! In poesiologia? Forse diventerà una nuova materia di studio. L'emozione c'era, la sala Atti (dove si conquista la Laurea) pure, il pubblico scelto e attentissimo, con giovani di varie nazionalità, beh! che dire: mi sono sentita sotto esame!
 per fortuna volti amici mi hanno dato sicurezza. Claudia Dominutti e Viviana Mattiussi

 Prof. Renata Capria D'Aronco, presidente Club Unesco di Udine
                                            studenti provenienti da vari paesi
                                                         parte del pubblico
                                         
                 Lu Jan, coreana, legge una poesia in coreano. Traduzione in inglese della Prof. Scarpa
                             Eleonora Tonino legge un sonetto d'amore di Shakespeare "L'asse del mondo" . Traduzione di Alessandro Zempieri del 1991 "La notte si vanterà che tu vaghi nella sua ombra"
 Ginevra  S. legge una poesia in tedesco di Rilke, dalla Elegia, trdotta da Vincenzo Errante - Il risveglio del vento " Il vento fanciullo che nel cuore della notte è solo"
                            Angelica Zorzettig legge la traduzione "Respirano lievi gli odorosi abeti"
                                      Alex B legge in tedesco "Il risveglio del vento"
  Allievi delle prof. Nadja Pittino  e Nadia Scarpa (docenti lingue straniere al liceo classico europeo Uccellis - Udine)
                                     Ecco l'"esame". Titolo "La genesi della poesia per una donna"
 
                                                   
Leggo una poesia dal mio libro "Come aerei di carta"
ok! Fatta. Applauso e complimenti. Uauh!
                     Il poeta Pietro Mastromonaco legge il suo libro "Quadri per un viandante"
                                                     Sandra Del Fabbro, poetessa

Esperienza molto particolare ed inedita.  Grazie alla prof. Renata Capria D'Aronco per avermi invitata.

Nessun commento:

Posta un commento