lunedì 29 dicembre 2014

Comunicare le Eccellenze nel Medio Friuli - 15 dic 14- da Ferrin a Bugnins id Camino al T (UD)

 Da Ferrin. Azienda agricola a Bugnins di camino al T (UD) - convegno sul tema: Comunicare le eccellenze anche nel Medio Friuli.

 Silvia Jacuzzi presenta la serata. "Nel medio Friuli si comunica poco. Eppure ci sono eccellenze nel vino e nella gastronomia che non sono valorizzati come meritano.
 Marco Mascioli, presidente Associazione Movimento del vino e autore di un  libro che parla di come migliorare le strategie di comunicazione "Come hai detto che ti chiami?" "Fai la cosa migliore del mondo e non dirlo a nessuno...vedrai che successo!
 L'Associazione è nata 20 anni fa in ambito nazionale, con un migliaio di cantine che divulgano la stessa filosofia, ovvero l'esperienza di aprire le cantine come evoluzione del turismo del vino. Il vino è il collante. Altri attori si occupano poi dell'ospitalità.  Massimo Del Mestre, coordinatore Strade del vino.  "I turisti cosa vengono a fare in Friuli? Il Friuli non ha niente da invidiare a luoghi che vivono di turismo ben organizzato, come il Sud Tirolo o varie zone di Francia. - L'Associazione comprende 80 cantine che incoraggia ad aprirsi a degustazioni ed eventi, a dare valore aggiunto al prodotto, a raccontarlo con amore, a migliorare l'immagine.
 Il turista vuole trovare le chicche, come qui, da Ferrin, cantina legata allo spessore culturale per passione e trasferimento di emozioni, alla condivisione e aggregazione.
Il turista è un PORTAFOGLIO CHE CAMMINA. E il Friuli NON sa intrattenere il turista. Il Friuli è un bellissimo territorio ma restio a parlarne. Invece bisogna lavorare in sinergia, imparando a lavorare insieme emulando chi fa meglio. 
Il Movimento e le Strade del vino sono accorpate da circa un mese, con coordinamento centralizzato. L'evento Cantine aperte ha bisogno di un maquillage e il Movimento ha creato "Cantine aperte tutto l'anno". A fare bene le cose noi friulani siamo bravissimi ma... le cantine a volte non sono aperte. L'unica strada è credere in ciò che si fa e creare il circuito territoriale. Le cantine devono fare bene le cose e la sinergia è indispensabile.  
Graziano Ganzit, tra il pubblico: SIAMO IN UN PICCOLO PARADISO e NON SAPPIAMO PROMUOVERLO.
 Del Mestre: " Cosa vuol dire entrare nella strada del vino? Offrire al turista ciò che si ha e si può, in un insieme di aziende, pro Loco, amministrazioni. Tra due mesi uscirà la nuova normativa per la strategia turistica della fascia centrale del Friuli, da Trieste a Gorizia al confine con il Veneto.



Convivio da Ferrin: Mirella Setini, presidente de "Il Ponte",  Silvia Jacuzzi
 

 
 
 Mirella Setini, Gino Vendrame della cantina Vendrame, Pierina Gallina.

Nessun commento:

Posta un commento