mercoledì 4 febbraio 2015

IL PONTE - febbraio 2015


CAMINO T (UD)

I COSCRITTI RICEVONO LA COSTITUZIONE IN MUNICIPIO  

Continuando una tradizione iniziata nel 1992, con il sindaco Primo Marinig, e sempre mantenuta in auge, il Sindaco  Nicola Locatelli ha ricevuto in Municipio i diciottenni del comune, facendo loro omaggio di  una copia della Costituzione Italiana.  All’ incontro  ha presenziato anche una rappresentanza del "Gruppo Giovani" A.F.D.S. Zona Risorgive, che assieme al Presidente di Sezione, Illario Danussi,  ha illustrato ai coscritti la meritoria attività svolta sul territorio sull’importanza del dono de sangue.

CAMINO T

100 ANNI DELLA FALEGNAMERIA PELLEGRINI  “ FISOL”

Nelle piccole comunità i valori del lavoro, della passione e della tradizione trovano sempre un’occasione particolare per emergere e per ricordare a tutti cosa significhi veramente essere degli artigiani. Inoltre, in controtendenza con la quotidiana abitudine ad ascoltare notizie negative sulla perdurante crisi che morde ogni giorno le nostre attività produttive, a Camino al Tagliamento c’è stata un’occasione per festeggiare un importante avvenimento. Sabato 27 dicembre, presso la sala consigliare, alla presenza del Sindaco Nicola Locatelli, del Vicesindaco Leonarduzzi, dell’Assessore Pilutti e dei consiglieri Giuseppe Liani e Bruno Ferrin, è stata consegnata a Vittorino Pellegrini, accompagnato per l’occasione dalle due figlie, una targa per ricordare i primi cento anni di attività della sua azienda artigiana. Un secolo di passione e di arte nel plasmare la materia lignea, tradizione tramandata di padre in figlio dal lontano 1914. Il quadro, che porta il testo: “In occasione dei primi cento anni di attività della Falegnameria Pellegrini, l’Amministrazione comunale si congratula per l’eccezionale traguardo raggiunto”,  è stato porto direttamente dalle mani del Sindaco ad un commosso Vittorino Pellegrini; poche ma significative parole sono state pronunciate per coronare l’ufficialità del momento e per ricordare chi ha iniziato un’attività artigiana gloriosa, ricca di qualità e di professionalità. Alla cerimonia è seguito un festoso momento conviviale nei locali della falegnameria, in via Molino a Camino, dove tutta la famiglia di Vittorino Pellegrini, con l’Amministrazione, i colleghi e i tantissimi amici, ha concluso una bellissima giornata lunga, possiamo dirlo, tutto un secolo.

      
CAMINO T                                 

FIDES LIANI, 90 PRIMAVERE DI SAGGEZZA 
Ha sempre lavorato Fides, donna saggia, metodica, perfezionista nella cura della sua casa, del suo orto, dei suoi fiori, del suo regno: la cucina. Ha dedicato la vita agli affetti familiari, accudendo i suoi anziani, poi suo marito, Davide Giavedoni, sempre con quella forma di rassegnata convinzione che le cose accadano e vadano affrontate. Andando avanti, con un sorriso, anche quando la vita diventa feroce. Cosa che continua a fare, oltrepassando il confine della malattia che da qualche anno l’ha seduta sulle  rotelle. Continuando ad essere  memoria storica di persone e avvenimenti di Camino.  Ora è il suo turno di essere aiutata. Ma Fides è fortunata perché è molto amata, e riceve attenzioni da “Premio Nobel” dalla nuora Diva,  dai nipoti Cristina e Gabriele e da Leila. Che le hanno dedicato una bella festa per le 90 primavere, esprimendole sinceri affetto  e gratitudine.    
                                                                                         
CAMINO al T- BUGNINS: COMUNICARE LE ECCELLENZE NEL MEDIO FRIULI


da sx: Marco Mascioli, Fabiola Tilatti Ferrin, Fabio Marchetti, Silvia Jacuzzi, Massimo Del Mestre
Da Ferrin, Silvia Jacuzzi ha coordinato la serata sul tema delle eccellenze presenti anche nel Medio  Friuli  che, però,  non sono valorizzate come meritano. Perché nel Medio Friuli si comunica poco. Presente al tavolo dei relatori anche Marco Mascioli, presidente Associazione Movimento del vino e autore di un  libro che parla di come migliorare le strategie di comunicazione "Come hai detto che ti chiami? Fai la cosa migliore del mondo e non dirlo a nessuno...vedrai che successo”.   L'Associazione,  nata 20 anni fa in ambito nazionale, convoglia un migliaio di cantine che divulgano ovvero l'esperienza di aprire le porte come evoluzione del turismo del vino.  Massimo Del Mestre, coordinatore Strade del vino,  si è chiesto "I turisti cosa vengono a fare in Friuli, questa regione che non ha niente da invidiare a luoghi che vivono di turismo ben organizzato, come il Sud Tirolo o varie zone di Francia?”   L'Associazione, che  comprende 80 cantine,  le incoraggia ad aprirsi a degustazioni ed eventi, a dare valore aggiunto al prodotto, a raccontarlo con amore, a migliorarne l'immagine.  “A fare bene le cose noi friulani siamo bravissimi ma... le cantine a volte non sono aperte. L'unica strada è credere in ciò che si fa e creare il circuito territoriale.   Il turista vuole trovare le chicche, come qui, da Ferrin, cantina legata allo spessore culturale per passione e trasferimento di emozioni, alla condivisione e aggregazione.  Il turista è un PORTAFOGLIO CHE CAMMINA. E il Friuli NON sa intrattenerlo. Il Friuli è un bellissimo territorio ma restio a parlarne. Invece bisogna lavorare in sinergia, imparando a lavorare insieme emulando chi fa meglio.   Cosa vuol dire entrare nella strada del vino? Offrire al turista ciò che si ha e si può, in un insieme di aziende, pro Loco, amministrazioni. Tra poco  uscirà la nuova normativa per la strategia turistica della fascia centrale del Friuli, da Trieste a Gorizia al confine con il Veneto. E’ un grande passo”.  Dal pubblico sono emerse riflessioni e proposte ma l’affermazione di Graziano Ganzit le contempla tutte “ SIAMO IN UN PICCOLO PARADISO e NON SAPPIAMO PROMUOVERLO”.


CODROIPO
ANDOS: L’11 APRILE un PRESTIGIOSO CONVEGNO MEDICO A VILLA MANIN
La macchina organizzativa di un grande convegno che parlerà di tumore al seno  ha messo il turbo. Già fissata la sede, Villa Manin,  la data,  sabato 11 aprile, dalle 9.00 alle 14.00, alcuni relatori di spicco  e altri in attesa di conferma. A parlarne è la presidente dell’Andos codroipese, la signora Nidia Dorio. Con la consueta precisione annuncia che si tratta della 9° edizione dei convegni medici annuali promossi dall’Andos ma la prima a Villa Manin e di così ampia gettata.  Sottolinea la grande mano che le stanno dando il comune di Codroipo ed il sindaco Marchetti nella fase organizzativa. Perché promuovere convegni?  “ C’è la necessità di avere notizie sulle cure, possibilità migliorative, per dare speranza alle tante  donne  che hanno avuto o hanno il tumore al seno. In un convegno si sentono le novità e si impara. Dal tumore si può guarire se c’è prevenzione e se ci si attiene a quanto gli specialisti indicano”. Già alcuni specialisti hanno aderito al convegno: Dott Alberto Onorato, Fisiatra all’ Ospedale  S.M. Misericordia di Udine, Dott.ssa Carla Cedolini, Chirurgo senologo al Policlinico Universitario di Udine,  Dott. Aldo Job, Oncologo e Direttore Sanitario degli ospedali di Palmanova e Latisana.  Ancora da definire il tema ma il convegno si preannuncia di elevato spessore medico e foriero di novità che potrebbero aprire un varco di possibilità  di guarigione o di miglioramento della qualità della vita per molte persone. 

L’INFANZIA di RIVOLTO VINCITRICE a GEMONA

E’ ormai una felice tradizione classificarsi tra i premiati del concorso in lingua friulana “Ir, vue e doman”  di Gemona del Friuli. Anche per l’edizione 2014 la scuola infanzia di Rivolto si è classificata terza, meritando il premio di 200 euro con “Une strane besteute”,  lavoro svolto da tutti i  78 bambini e curati dalle insegnanti Paola Benedetti, Maristella Prenassi e Sandra Tassile.

Nessun commento:

Posta un commento