martedì 28 luglio 2015

Settimana della cultura friulana - in BIBLIOTECA a LESTIZZA (UD) a raccontar storie - 11 giugno 15

Pierina Gallina, Sandra Tassile, Gianni stelitano: un terzetto fenomenale nel raccontare in lingua friulana ( sulla foto con la bibliotecaria)
 Tomas il nono dai fruts (Tommaso il nonno dei bambini) libro realizzato in biblioteca di Camino al Tagliamento nel 1992  e "Animats" o Animali animati di Gianni Stelitano. più Barbe Cocjion e tante altre, rigorosamente in lingua friulana (telata dalla legge 492 del 1999)


 Ore 17.00: bambini accorsi in biblioteca per ascoltarci

                                  Barbe Cocjon o Zio Zuccone, fiaba tradizionale friulana

                                   Libro "I Animats" interpretato da Sandra... che fa il riccio
 
 
                                                L'anatra

 



                                    oh! oh! cosa succede? Qualcuno ha preso troppo sole?
                                                         Tomas, il nono dai fruts
Pierina Gallina o Gjaline, come recita la maglietta e Sandra Tassile.
Splendida opportunità, vissuta con gioia e serenità, facendo felici anche i bambini.
 Bellissima sorpresa: Angela Padrone, già mia bambina a Rivolto, col piccolo Cristian. E' venuta apposta per salutare la sua maestra. Non ho parole. Solo  GRAZIEEEEEEEEEEE
 

 



lunedì 27 luglio 2015

LUBIANA e ARBORETUM - 21 giugno 2015

C’è un luogo unico in Slovenia dove andare ad ammirare piante e fiori, o solo a passeggiare immersi nei colori e nei suoni della natura. Questo posto incantevole è l’Arboretum di Volčji Potok,  non lontano dalla capitale Ljubljana. Un vero paradiso della botanica in tutte le stagioni dell’anno, anche se ovviamente la primavera resta il momento più splendente.
L’Arboretum di Volčji Potok è il parco più visitato della Slovenia e consta di ben 80 ettari di superfici sulle quali crescono 2500 diverse varietà di piante (in particolare alberi e arbusti). E’ visitabile durante tutto l’anno e ogni stagione regala colori ed emozioni diverse. Senza dubbio le stagioni calde, in particolare la primavera col suo risveglio della natura, offrono i momenti più colorati, ma anche i caldi colori autunnali o quelli freddi dell’inverno possono regalare panorami indimenticabili.
In particolare verso fine aprile – inizio maggio si può godere dello spettacolo offerto dai tulipani che in quel periodo raggiungono il picco della loro fioritura. Colori sgargianti e grandi composizioni floreali rendono il paesaggio davvero unico.


                                              La campana dei desideri
                                                  Giardino all'inglese
                                                   Gruppo di abachine... la maggioranza

Se i fiori sono senz’altro l’aspetto più variopinto che subito cattura l’attenzione del visitatore, sono gli alberi a rendere l’Arboretum un luogo unico. Acero, tiglio, betulla, faggio sono solo alcuni degli alberi che possiamo trovare in abbondanza a Volčji Potok, ognuno proveniente dai più disparati angoli del mondo (Europa, Asia, America…). Una lunga passeggiata ci porta attorno alla collina dove un tempo sorgeva il castello medievale, addentrandoci in una vera e propria foresta.


LUBIANA:  Adagiata sul piccolo fiume Ljubljanica presenta un interessante centro storico in stile barocco e Art Nouveau. Situata nel centro del paese, la città possiede una popolazione di circa 274.826 abitanti. Lubiana è considerata il cuore culturale, scientifico, economico, politico e amministrativo della Slovenia. Nel corso della sua storia è stata influenzata dalla sua posizione geografica, all'incrocio della cultura tedesca, slava e latina.
Nello stile barocco, vicino al municipio si trova la fontana di Robba in piazza Mestni Trg disegnata sul modello di Piazza Navona a Roma. Essa è decorata con un obelisco, ai piedi del quale cifre il marmo bianco simboleggiano i tre principali fiumi della Carniola. È il lavoro dello scultore italiano Francesco Robba (Venezia, 1º maggio 1698 – Zagabria, 24 gennaio 1757) che ha scolpito molte altre statue barocche della città. Le chiese sono intrise di questo stile, che risale a dopo il terremoto del 1511
Nonostante la comparsa di grandi edifici, soprattutto nei dintorni della città, Lubiana mantiene intatto il suo centro storico, dove si mescolano lo stile architettonico barocco e Art nouveau. Lo stile della città è fortemente influenzato da quello delle città austriache di Graz e Salisburgo.

                               Pierina Gallina con Libera e Vanda di Codroipo (UD)

Laboratorio di Calligrafia giapponese con Makiko Yamada - in Abaco Viaggi San Vito T (pn) 14 giugno 2015

alle ore 17.00 "Laboratorio di Calligrafia Giapponese". Con pennello e Bambù, inchiostro di China su cara di Riso, con Makiko i partecipanti creano armonia e bellezza sui propri fogli per poi portarli con sé.
.



                                                     Vanessa Padovani di Abaco Viaggi porge il benvenuto

                            Tutti i posti esauriti. Makiko spiega gli ideogrammi giapponesi.

In giapponese esistono cinque fonemi vocalici e ventisei fonemi consonantici differenti. Questi ultimi, però, non si presentano mai da soli ma hanno sempre bisogno di una vocale a cui appoggiarsi Si usa dire a questo proposito che il giapponese è una lingua sillabica: l'elemento fondamentale della parola non è infatti la lettera, ma la mora. Le more sono composte sempre secondo lo schema [consonante] + [vocale] oppure secondo lo schema [consonante] + /j/ + [vocale].
Nella traslitterazione della scrittura giapponese  sono impiegate soltanto ventidue delle ventisei lettere dell'alfabeto latino, cinque vocali e diciassette consonanti (alcune delle quali corrispondono a più di un fonema).



 La calligrafia giapponese si esprime attraverso gli ideogrammi, che sono base e fondamento della pittura.
Il modo più semplice e affascinante per comprendere il significato dell'ideogramma Reiki è tracciarlo secondo i principi dello Shodo, l'Arte della Calligrafia Giapponese.
Di seguito il Kanji viene tracciato tratto dopo tratto, una pennellata dopo l'altra.
La grafia giapponese ci aiuta nel difficile compito di definire ciò che per sua natura non può trovare una definizione: stiamo parlando di Energia Universale e di Forza Interiore.
L'ideogramma è un insieme di segni, linee che simboleggiano un'idea; è interessante comprendere il senso di ogni singolo segno, che sintetizza ed evoca una realtà più vasta.

Il primo segno è il Cielo, il principio creatore, l'azzurro e le sue sfumature, l'inizio.
 


Cielo_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale


I due segni successivi sono le nuvole che si muovono nel Cielo, come per rappresentare il movimento dei pensieri nella mente umana


Nuvole_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale


e poi un fulmine, il deciso tratto centrale, dall'alto in basso, che simboleggia la volontà, la scelta, la direzione che crea la crisi, la trasformazione, le lacrime, le quattro gocce di pioggia.


Pioggia_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale


…e poi le bocche degli uomini, che sulla Terra ringraziano Dio nella preghiera, accolgono i doni del cielo, della pioggia che dona la vita, che consente agli alberi di fiorire e fruttificare.


Bocche_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale


Ora l'uomo non è più rappresentato da una bocca ( Bocca_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale) ma dalla sua individualità ( Uomo_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale).
Ecco il tempio con due uomini che, in un luogo sacro, condividono le proprie emozioni, i propri desideri.
 


Uomini nel tempio_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale


Queste sono le linee che simboleggiano Rei: Energia universale, forza divina, macrocosmo.
Rei o Danza della pioggia_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale


Cielo, nuvole, pioggia li ritroviamo anche nel simbolo KI. E' presente l'acqua, la pioggia, che, arrivata alla terra, evapora e si ricondensa in nuvole per riprendere il ciclo vitale: il girotondo della vita.
Forza Interiore_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale


E qui troviamo il chicco di riso, simbolo dell'essenza interiore, del seme che grazie alla pioggia, all'energia del sole, della luce, germoglia, si radica, vive.
Chicco di Riso_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale


Questo è l'ideogramma giapponese che rappresenta il KI: l'energia individuale, forza interiore, microcosmo.
Ki_alkaemia é cristalloterapia,reiki,meditazione,fiori di Bach,consulenze psicofisiche,benessere spirituale


Reiki è l'unione tra REI e KI.


kanji reiki


L'energia di Reiki va a nutrire quel seme che è dentro di noi, che rappresenta la nostra più intima essenza che sa cosa fare, dove andare e cosa vuole.
Reiki insegna che siamo noi i guaritori di noi stessi, che la crisi, il dolore, il pianto fanno parte del processo vitale così come la felicità ed il sorriso.
Reiki insegna la responsabilità delle proprie scelte ed il coraggio di esprimere in ogni momento la propria verità.
L'energia di Reiki attraversa il nostro corpo e grazie al processo emozionale ci rende consapevoli e attivi artefici della nostra vita.
Reiki offre la possibilità di comprendere la causa profonda della malattia, del disequilibrio, della tristezza, della noia visti come compagni da ascoltare e non come nemici da sconfiggere al più presto e subito.
 


     Sindaco di San Vito T. Antonio Di Bisceglie e la presidente della locale Pro Loco Patrizia Martina



                     Ideogrammi creati dagli "allievi" per un'ora di giapponese



                                         Dall'interno di abaco Viaggi la piazza deserta causa Giove Pluvio
                        Visuale della piazza allestita per San Vito in fiore 2015, dal tema Oriente.