martedì 27 ottobre 2015

PUGLIA a Rodi Garganico - 12/19 settembre 2015 - Abaco Viaggi-Caramel

 PUGLIA: RODI GARGANICO - hotel Baia Santa Barbara
 Una settimana di pieno sole e ottima compagnia, tra cui la musica del gruppo musicale i "Caramel" di Pramaggiore (Ve)         Camere rinnovate nel mese di giugno 2015. Di un colore caramellato. soft. semplici ma accoglienti



Sorelle di occhiali, io e Laura Schileo

                                       dono a forma di cuore. me lo ha fatto il mare.



 tramonto

 Concerto dei Caramel









 3° giorno...sempre meraviglioso











 e si balla...
18 settembre... la voce del tramonto 

 è tempo di salutarsi

 le ESCURSIONI: 16 settembre 15: MONTE SANT'ANGELO
 


curiosità: bavaglini di Padre Pio

                                        eccoci in posa, prima di entrare nella grotta

                                           Grotta di san Michele Arcangelo
tipiche mucche pugliesi, libere

 
18 settembre 2015: PESCHICI



                                             Emanuela Bordignon e Pierina
                                                                che scalinata!
 



                                                      e guardando il mare


lunedì 26 ottobre 2015

"ARMONIE" a Clauiano (UD) all'Antico Cantinone Foffani - evento di poesia e musica 25 ottobre 2015

 

 
~*~   ARMONIE   ~*~  


La poesia, la musica, il vino   Domenica, 25 ottobre 2015, ore 16,30 

CLAUIANO ( Ud) , Piazza Giulia 13           348.3049154  elisabetta@foffani.it
Incontro fra la melodia dei versi, le note della musica, i colori del vino, accompagnati da suggestive immagini del borgo, uno dei più belli d'Italia.  Clauiano è Poesia, sospesa tra passato e presente. Bisogna annusarlo, accarezzarlo, respirarlo. E' borgo antico, amato e vissuto. Affermati poeti regionali con le loro poesie sul tema "Armonie", intervallati da brani classici al pianoforte.  Nella splendida cornice architettonica di Clauiano , l' Antico Cantinone dell’ Azienda Agricola Foffani protagonista di una  speciale accoglienza all' incontro.  
La casa più antica di Clauiano, risalente a fine 1500. La casa padronale, nella piazza del borgo medioevale di Clauiano, riconosciuto esempio di architettura pre Veneziana in Friuli, prosegue con gli annessi agricoli ed il parco verso il vigneto nella campagna retrostante.

"Dove si sentono ancora le passioni di chi ci ha vissuto. Di chi ha amato il vino. Di chi ha suonato il pianoforte. Di chi ha scritto e scrive poesie. Come Giovanni Foffani, garbato padrone di casa. Ingegnere-poeta,  è oggi totalmente dedicato all’agricoltura e prende direttamente tutte le decisioni riguardanti la produzione. La moglie Elisabetta, Donna del Vino, segue le PR e l’accoglienza. I figli Guglielmo e Lorenzo collaborano nel lato tecnico e nella comunicazione.      www.foffani.it 
La proprietà risale fin dal 1600 alla famiglia di Maria Teresa Calligaris, mamma di Giovanni Foffani, ora unico proprietario e conduttore dell’ azienda vinicola, che produceva vino fin dal 1789.
 
 

   
Tutto è pronto nel salone. Per ogni vino la sua poesia


La pianista Mietta Brez di Udine

 Piazza Giulia

 Particolare creativo con i tappi

  da sx: poetesse Rita Vita Marcega, Pierina Gallina, Luigina Lorenzini

 Nel cortile dell'azienda agricola Foffani l'Autunno tarda. Tutto è curato ed accogliente qui. Da sx: poetesse Patrizia Pizzolongo, Irene Urli, Pierina
 
 

 da sx: Patrizia, Pierina, Franco Falzari e consorte, Irene
                                                da sx: Patrizia, Alessandra Pecman, Luigina, Pierina, Irene, Rita
                                                           L'ultima rosa... forse
                                                     capolavoro d'albero
                                                dove crescevano i maiali...una volta
                                                       visuali del parco


                                                              Pierina e Irene Urli
                                                        Pierina, Francesca Rodighiero e consorte
                                            Viviana Mattiussi, poetessa e ideatrice dell'evento
                                     


Elisabetta Foffani porge il benvenuto
                

Viviana, con la garbata  verve narrativa, introduce i poeti e la pianista

                                                il salone è gremito e il pubblico attento e partecipe attende...
                                                       


La pianista Mietta Brez suona Chopin. Prima i versi "Penso a ciò che lascio perdere... e alla mia incapacità di esprimermi come vorrebbe il mio cuore semplice ed ambizioso" recitati da Nicoletta Gottardo.
Giovanni Foffani ritrae la sua casa, i ricordi, i muri, la vita passata e l'attuale.

Fernando Gerometta in "Fiori rossi e latte"
Patrizia Pizzolongo
                                                              Irene Urli
                                       Alessandra Pecman in "Sillabe armoniche"
 
                                                Viviana Mattiussi legge la sua poesia
 selfie con Irene Urli

La mia poesia
CUADRIS INTAL BOSC

Ssst… sgrisui di vite cisichin …
Une margherite braurìne
e sopresse il vistìt di nuvice.
Un caiùt al rumìe il vilût ros
di une fraule four stagion.
L’ajarìn al peténe i arbui
intal sflandôr dal vert
prime che al rivi il lari di colôrs.
Une fueute e cjante
intal ultim svual,
daspò si poe e prée.
Sssst… l’Armonie de nature
e polse
intun sium di une lusigne in uaite… Ssst!             

QUADRI NEL BOSCO

Ssst… brividi di vita sussurrano …

Una margherita vanitosa
stira il vestito da sposa.
Una lumaca mastica il velluto rosso
di una fragola fuori stagione.
L’aria pettina alberi
nello splendore del verde,
ancora ignari del ladro di colori. 
Una fogliolina canta
nell’ultimo volo,
poi si posa e prega.
Sssst… l’Armonia della  natura
riposa
nel sogno di una lucciola
in attesa… Ssst!

                                                 *****************************
Mia Poesia dedicata a CLAUIANO
Clauiano...sospeso tra passato e futuro...
bisogna annusarlo, accarezzarlo, respirarlo questo borgo antico...
Vecchie case piene di suoni, aromi, crepe parlanti,
mai intonacate,
per non imprigionare passioni e orme di stanchi passi
persi nell'infinito.
A loro non è concesso rinascere, come all'erba.
A loro è concesso solo di tornare, a passi leggeri,
nelle parole scritte sui muri e sulle tovaglie di lino bianco,
tessuto da mani gentili
sotto i calli mai guariti.


Clauiano, Borgo Medioevale riconosciuto tra i Borghi più Belli d'Italia, fu ricostruito a fine XVI secolo dopo l'invasione dei Turchi a partire da tre poli, l'angolo della chiesa di San Giorgio, l'angolo di San Martino e l'angolo Nord di Piazza Giulia.

Nel XVIII secolo, questi tre poli si sono ricongiunti con l'allargamento del paese, Clauiano di oggi, al centro del quale oggi si trova Piazza Giulia, un antico punto di raccolta delle acque piovane.

Caratteristici e ben conservati gli archi in pietra dei vecchi portoni, le case affiancate seguendo un percorso irregolare e, soprattutto, i cortili interni di alcune case di pregio e delle aziende agricole, aperte ai visitatori, tra le quali l' Azienda Agricola Foffani forma un piccolo borgo all'interno del borgo più grande di Clauiano.