domenica 17 gennaio 2016

UMBRIA: Assisi, Spoleto, Spello, S. M. Angeli, Gubbio - 6/8 dicembre 2015

E' un viaggio speciale quello in Umbria. Con le atmosfere e il tempo rarefatto. Intatto. La natura è in pace qui, orgogliosa del verde respiro e della luce d'Umbria. Immacolata. Solitaria eppure viva. Nuda eppure rigogliosa. Terra genuina e mistica. Terra di Santi e di condottieri. Chiusa dentro le montagne.
                                                         Gruppo con Abaco Viaggi T.O. a Spoleto


 ASSISI:
Brina d'aria, fresca da inghiottire. Generosa di pace e serenità.  Assisi, un biscione che scende dal Monte Subasio. Luogo di preghiera. All'interno della basilica non si entra perché c'è tanta gente. E la sera del 6 dicembre 15. Il Papa in diretta accende l'albero di Natale, dedicato ai migranti. Canti di bambini di ogni colore riscaldano la fredda serata, resa unica dalla benedizione di Papa Francesco. Anch'io ci sono, in mezzo alla folla, e ne sento il respiro accarezzare l'aria. Sa di buono. Sa di onestà. Sa di fiducia. E' Natale tra poco. Che non sia solo segno esteriore di luci e cineserie bensì coscienza pulita e calore di affetti  e buona volontà.


                                                     suggestivo tramonto ad Assisi




                                             Basilica di Assisi - visuale inedita di dicembre
                       7/12/15 Basilica di S. Maria degli Angeli: vista dalla mia camera. Hotel dal Moro.
                                              Santa Maria degli Angeli. Campane a distesa alle 7 del mattino
                                                 7/12/15: Spoleto, castello
                                           Acquedotto romano


 Piazza di Spoleto dove sono registrate le puntate della fiction televisiva "Don Matteo"


                                                  Interni Basilica


 Spoleto, la strada sotterranea
 

 
  GUBBIO, Palazzo dei Consoli o Ducale. Stemma con i gigli angioini, o francesi.
Gli abitanti si chiamano "Eugubini". Gubbio era città guelfa alleata con i francesi contro i ghibellini. Nel palazzo stavano 4 consoli, uno per ogni rione, venivano eletti ogni due mesi e vi stavano rinchiusi.
A Gubbio vengono venerati tre santi: S. UBALDO, patrono dei muratori; S. GIORGIO, dei mercanti; S. ANTONIO ABATE, dei contadini.
Si tiene il 15 maggio di ogni anno la FESTA DEI CERI. Festa pagana, simbolo di virilità, abbondanza, fertilità.
Qui si trova l'albero di Natale più grande del mondo e comprende tutto il monte Ingino, con la stella in cima.

Particolarità tipiche di Gubbio . NON C'E? DUBBIO CHE OGNI MATTO VIEN DA GUBBIO


                                                           Spettacolo degli sbandieratori


VIDEO davanti al Palazzo dei Consoli a Gubbio
 ringrazio la persona che ha scritto tra i suggerimenti.

Nessun commento:

Posta un commento