venerdì 3 giugno 2016

FORTE & CHIARO - Mensile del Medio Friuli - mese giugno 2016


                                                                                 CODROIPO AI RAGGI X                                           

                                                  CON IL BAPNE  MIGLIORA  LA VITA  A OGNI ETA’

A Codroipo, a Scuola di Musica “Città di Codroipo”,  c’è la sede nazionale del metodo BAPNE , acronimo di  cinque discipline: biomeccanica, anatomia, psicologia, neuroscienze ed etnomusicologia.  Ne fanno parte il responsabile, prof. Giorgio Cozzutti, musicista di spicco nel panorama nazionale e non solo, anche lui di Codroipo, e professionisti in campo musicale, psicologico e neurologico, con il coinvolgimento della neuropsicologa dello sviluppo dott.ssa Francesca Guaran.
Il gruppo di ricerca italiano fa parte di un’equipe internazionale di ricerca che ha sede in Spagna, all’Università di Alicante, sotto la supervisione di Javier Romero Phd., creatore del metodo.  In occasione della settimana della musica, il 20 maggio scorso,egli è intervenuto personalmente in auditorium a Codroipo per incontrare gli oltre 120 bambini delle classi terze e quarte delle scuole primarie, coinvolti  nel progetto di ricerca di portata triennale, in convenzione con il Comune e l’Istituto Comprensivo, le loro famiglie e le loro docenti. 
“ Perché il BAPNE?”
Lo stesso Romero dà la risposta.  “ Adotta il modello dell’ Africa dove il movimento è cultura e dove la parte razionale è la meno importante.  Noi diamo al bambino regole igieniche ma non esiste un manuale per le emozioni. Il cervello non è come un dente da latte che ad un certo punto cade e si rinnova. Non si può trapiantare e va educato. Il corpo non è  fatto per stare seduto. Corpo e movimento stimolano attenzione. Un bambino non è fatto per stare sei ore seduto a scuola ma per muoversi e giocare.  Il BAPNE fa sentire bene il bambino dentro la scuola”.  
Che il metodo offra nuove opportunità di crescita armoniosa agli alunni è stato confermato anche dalle parole della dirigente scolastica prof. Giovanna Crimaldi,  che ha espresso la massima stima per il progetto che - ha assicurato - continuerà.  Con orgoglio, ha affermato che il progetto è riferimento nazionale e oggetto di sperimentazione scientifica. Ogni allievo coinvolto sta seguendo l’iter scientifico che consiste in pre-test e post-test per verificare la validità del metodo.  Attraverso la didattica della body percussion e l’uso della voce parlata, pensata e cantata, BAPNE mira a stimolare i diversi tipi di attenzione e di memoria negli alunni ottenendo importanti risultati nel campo dell’apprendimento. Le parole chiave sono, infatti,  attenzione, concentrazione, memoria nel rispetto dell’esigenza di movimento, in linea con le problematiche legate alle difficoltà in classe.  La ricerca coinvolge anche la facoltà di Scienze della formazione dell’Università di Udine ed è in rete con l’istituto comprensivo Castelseprio di Roma, dove viene replicata in esclusiva.
Il gruppo “BAPNE - Italia” continua a offrire strumenti educativi efficaci in termini di attenzione e concentrazione. La ricerca prosegue nonostante l’assenza di contributi specifici grazie al coinvolgimento del gruppo di ricerca e della Scuola di Musica “Città di Codroipo”. In effetti i benefici del BAPNE non riguardano solo i bambini ma tutte le persone, anche in situazione di diversa abilità ed età.  Oltre a varie scuole coinvolte, UTE, associazioni, il primo gruppo pilota in Italia è quello dei “Seniors” avviato recentemente alla Scuola di Musica, in modalità gratuita con una lezione di un’ora a cadenza settimanale. Conduttore del gruppo è il prof. Giorgio Cozzutti che riferisce “ BAPNE non è un insieme di esercizi, ma molto di più. 
E’ un modo di intendere l'apprendimento, l'inclusione, i valori, la creatività, la cultura. Per me è stata una scelta obbligata, credo sia un'ottima soluzione per guardare avanti in questo nostro momento storico così complesso e per certi versi povero. C'è molto in BAPNE: rispetto della diversità, interesse per l'innovazione, spazio per la creatività individuale, rigore scientifico, lavoro di squadra, onestà intellettuale”.
 

 
                                      Giorgio Cozzutti, Javier Romero, dirigente Giovanna Crimaldi

 



Codroipo ha al suo interno opportunità straordinarie uniche in Italia. A disposizione di tutti e perfino a costo zero.