mercoledì 31 agosto 2016

FORTE & CHIARO - Mensile del Medio Friuli - settembre 2016


                                                          CODROIPO AI RAGGI X

DANCEART “CITTA’ DI CODROIPO” … PER FAR DANZARE LA VITA

 

Ha già compiuto 15 anni la scuola di danza Danceart ed è entrata nella rosa delle realtà consolidate della città di Codroipo.  Ma l’esperienza delle insegnanti Astrid Tomada, Alessandra de Marchi e Valentina Cengarle è maturata molto prima. Alla Dance and Fitness di Camino, per esempio, dove  per una ventina d’anni, grazie a loro,  la danza è stata un fiore all’occhiello e ancora continua ad esserlo, con gestione curata da  alcune allieve.  A Codroipo, basta avere 4 anni, sia per femmine che maschi, per imparare la  Danza Classica, Moderna, Contemporanea e Hip Hop. I risultati ottenuti in questi anni sono sotto gli occhi di tutti. Basti contare gli importanti concorsi cui la scuola ha partecipato e i  numerosi premi vinti. Solo nell’anno accademico 2015-16  l'allieva Anna Chiavacci, con una coreografia di Valentina Cengarle,  ha ottenuto il 2° posto categoria solisti moderno juniores al concorso City Bolzano, più una borsa di studio al concorso internazionale Citta' di Udine per il Centro Studi Plesno Poletejen  in Slovenia. Primo premio per   il gruppo avanzato  categoria modern senior al concorso City Bolzano su coreografia di Valentina Cengarle.   Collezione di premi per il Gruppo Dettagli. Il 2° posto al concorso Salieri danza presieduto dal direttore della Scala il Maestro Frederic Olivier,  Il 3° posto al concorso internazionale Città di Udine e il 1° posto al concorso Progetto Danza al miglior coreografo, Valentina Cengarle.

Questi risultati sono il frutto del forte l’impegno investito dalle direttrici per far crescere professionalmente gli allievi, con l’organizzazione costante di stage con maestri di alto livello quali Franca Desinio, Etoile della Scala di Milano, con Denis Bragatto, insegnante di classico della Scuola Di Amici, e Fabio Crestale, coreografo di danza contemporanea, molto quotato a Parigi e richiesto dai più importanti teatri italiani ed esteri.

Ma la scuola Danceart è sì danza ma anche molto altro.  Per tutti i gusti sono, infatti,  i corsi portatori di buona salute come la Ginnastica Posturale,  Pilates,  Ginnastica Funzionale, Fitball, Ginnastica Cardiovascolare,  Zumba, dove il divertimento è assicurato. Numerose gli inviti a partecipare a rassegne e masterclass di Zumba per l’istruttrice Zin Astrid, che costantemente segue corsi di formazione per offrire un alto livello di professionalità. I corsi sono seguiti Astrid Tomada,   Alessandra De Marchi, che insegna anche danza ai bimbi più piccoli della scuola, e da Katia Bertolini che insegna anche Hip Hop.

Dal 26 settembre sarà attivo anche  un corso di Yoga e  lezioni di Zumba Kids, rivolte a bimbi dai 4 ai 6 anni e dai 7 ai 12.

Danza e salute sono le parole chiave che identificano la Danceart “Città di Codroipo”. Via Moraulis, 2/2 l’indirizzo e www.danceartstudio.eu il sito.  In più  la pagina Facebook. Ma, soprattutto, l’opportunità di fare lo sport più congeniale a ogni persona, a ogni età, che vada di pari passo con la buona salute.        

                                    CORO 5 – QUANDO CANTARE  E’ AMICIZIA e BEN STARE

Diretto dal Maestro Elena Blessano e, nel 2016, dal Maestro Giorgio Cozzutti, il Coro 5 è la formazione corale di un vero e proprio Corso di Coro all’interno della Scuola di Musica “Città di Codroipo”.  Dopo il felice traguardo dei 5 anni di attività  l’entusiasmo non cede di una nota.  Ma perché CORO 5?  Perché è nato dall’idea di 5 allievi adulti dei corsi di linguaggio musicale della Scuola di Musica. In pizzeria, alla fine dell'anno accademico 2010 - 2011. "Perché non mettiamo su un coro? Sììì. Bella idea “. Gli ideatori e componenti iniziali erano: Mariangela Ghirardini, la madrina, Carla Gramai, Luca Mattiussi, Michele Venturini e io. Era maggio, quindi il 5° mese. Avevano 5 euro in cassa, per le spese future. Di nuovo il 5. “Come lo chiamiamo? Ma CORO 5". I primi anni ha rischiato di chiudere per scarso numero di coristi. Ma i 5 fondatori e fondatrici hanno caparbiamente creduto nel progetto e non si sono arresi, sempre sostenuti dai loro maestri.  Da 5 a 7 a 9, poi di nuovo a 7. Dal 2013 i componenti sono aumentati di anno in anno, fino a diventare CORO 5 x 4.  Infatti, a fine anno scolastico, il 30 giugno 2016, a comporre il Coro erano 15 donne e 5 maschi.  L'obiettivo più ambizioso è ora pienamente realizzato. 20 è già un numero perfetto ma chiunque desideri farne parte sarà il benvenuto. L'augurio è che entri qualche voce maschile per supportare il quintetto azzurro. Per far parte del Coro NON  è richiesta una preparazione musicale particolare né la classica "bella voce" di cui tutti sono convinti di essere sprovvisti. Basta iscriversi alla scuola di Musica "Città di Codroipo" in Via 4 novembre a Codroipo, tel. 0432 901062. Le prove si tengono ogni giovedì, da settembre a giugno, dalle 19.30 alle 20.30.  E’ prevista una lezione di “prova”. Il costo è di sette euro al mese. L'esibizione pubblica è limitata ai saggi corali della scuola, a Natale e ad aprile, insieme a tutti gli allievi.  Non è richiesto altro impegno che non sia voluto e gradito al Coro. Non c'è limite di età e chi ha la fortuna di farvi parte ha la preziosa opportunità di stare bene cantando e facendo parte di un gruppo e di un ambiente che cerca e dà benessere, obiettivo nel Dna della scuola di Musica “Città di Codroipo”.

                                                                                                                                             

CAMINO al T (UD)

16 SETTEMBRE: CONCERTO ALLA VITA con il Gruppo “ALI di ALI”

 

A ingresso libero, in Sala Teatro, venerdì 16 settembre, dalle ore 20.30, triplice  evento, con un’unica protagonista: Alice Conco.  Sarà possibile ammirare la sua mostra pittorica, assistere alla presentazione del suo libro “Semplicemente Lei” e al concerto alla VITA con il Gruppo “Ali di Ali”, dopo l’intermezzo musicale delle violiniste Elena Sbruazzo, Letizia Locatelli, Beatrice Pellegrini. Il senso del Concerto alla VITA sta nei contenuti emotivamente molto coinvolgenti trasmessi dalle  canzoni  rivisitate dai cantanti Laura Ragazzon, Francesca Verbasi, Marzia Zandonà e Mattia Perin.   La serata, organizzata dal Comune di Camino, con il patrocinio della Commissione Provinciale Pari Opportunità tra uomo e donna, vuole parlare  della Vita, del dolore e del canto del cuore tramite parole, pittura e musica.  Tutto è centrato sull’esperienza di Alice, finalmente Donna, dopo una vita trascorsa a tacere la sua vera essenza, per essere omologata alla società, per evitare l’etichetta di “diversa”. Nata in un corpo di uomo, Alice ora è ciò che ha sempre sentito di essere, una Donna vitale nei talenti e nella sensibilità verso il prossimo prima che verso se stessa. Alice ora si esprime con naturalezza e gioia attraverso le parole, scrivendo libri, la musica componendo e suonando, e la pittura. Il gruppo musicale “Ali di Ali” canta  le ali di Alice e la sua storia, dopo aver rivisitato canzoni celebri come “Imagine” in versione Unicef, “Hallelujah” di Burke, "Perché" di Alex Britti, “You raise me up”, “Gli uomini non cambiano” di Mia Martini,  “Puoi sentirmi ancora” dei Pooh, e “Io voglio vivere” dei Nomadi e  “Angeli siamo noi” inedito con musica e testo recitato di Alice Conco.  Sarà una serata carica di emozione, che non potrà lasciare indifferente nessuno.

Nessun commento:

Posta un commento