mercoledì 31 agosto 2016

ROSANNA PERESSINI e i suoi 102 anni - 22 agosto 2016

 CAMINO T (UD)Nella Casa di Riposo di Codroipo è quasi una regina. Il portamento nobile, minuscolo ma non fragile, eleganti golfini, sorriso accogliente per chiunque le si avvicini.  Ha la pochette con i suoi tesori, appoggiata al tavolino della sedia a rotelle. In sala da pranzo, al primo piano, ha il posto privilegiato, accanto al finestrone.  E’ Rosanna Peressini, nata a Bugnins Vecchio il 22 agosto 1914 e non  dimostra certo le sue 102 primavere. Per tutti e da sempre Osane, perché Rosanna sarebbe stato un nome troppo lungo. Figlia di Ines Liani e di Francesco Peressini, cresce in una famiglia allargata, dove il vecchio nonno fa le veci di suo padre, sempre “pa lis merichis”. A 20 anni, Osane se ne va in treno a Roma.  A servire, a casa di un generale originario di Avellino, dove accudisce  una bimba piccolissima, Maria Antonietta., dal carattere un po’ troppo vivace  ma che, per i 100 anni, le ha telefonato regalandole  una grande gioia.  Ha molto da raccontare Rosanna. Della guerra per esempio. “Durante la seconda guerra mondiale io ero a Roma e mi ricordo tutto, per filo e per segno. Ero sempre con Maria Antonietta che voleva scappare fuori Roma”. Poi il ritorno a Camino, al servizio dalla famiglia Giavedoni, assistendo per molti anni il padre della signora Luisa, della signora Pucci e della signorina Angioletta, meglio conosciuta come Cinine, fino alla fine dei suoi giorni.  Non le sembra vero di aver raggiunto un traguardo così importante e dice, agitando le mani affusolate “Fin che al è chel chi. Dopo si saludin” “Finchè funziona la testa. Dopo ci salutiamo”.    Alla sua festa molte persone le hanno fatto gli auguri. L’Assessore alla cultura di Camino, Cristina Pilutti, le ha portato il saluto di tutta la comunità.  Sorride Rosanna, con la serenità di chi ha tutto e si affida al Signore. Il viso sembra incipriato e i capelli di un bianco sfumato azzurrino in tinta con il golfino di morbido cotone. dal mess.veneto del 23 settembre 2016
 dal Ponte settembre 2016


 Rosanna legge il giornale con l'articolo che la riguarda...senza occhiali.

Nessun commento:

Posta un commento